ASTROLOGIA E GRAFOLOGIA

 

 

 

Siamo d’accordo, tra la grafologia e l’astrologia esistono enormi differenze.
Alcuni dicono che sono incompatibili. Ci ha attratto però ciò che unisce queste due discipline: lo studio dell’uomo. Possono pertanto arrivare a un risultato simile?
Trattenendo il fiato ci tufferemo sotto la superficie dei temi natali e delle scritture per scoprire se i mille mondi che le compongono hanno dei punti in comune.
Certo, ci lasceremo un po’ d’aria per sorridere perché la nostra sarà un’analisi leggera, una modesta ricerca, priva della pesantezza dei trattati scientifici.
Tuffatevi anche voi, il vostro contributo è fondamentale e l’ebbrezza di conoscersi un po’ di più è un’emozione a portata di mano. Per l’analisi ci bastano poche righe (almeno dieci) scritte su un foglio di carta bianca poggiato su un piano non rigido, non barate però, scrivete come fate normalmente e firmate anche solo con il nome. Poi, in fondo al foglio, scrivete la vostra data di nascita, il luogo e l’ora. Interpreteremo la vostra scrittura e il vostro tema astrologico e, con il risultato ottenuto, che renderemo pubblico, potremo comprendere se tra le due discipline esistono similitudini o diversità.

Analizzeremo, in modo particolare, i seguenti aspetti della personalità:
– Introversione o estroversione
– Impulsività o riflessività
– Autovalutazione
– Modo di affrontare la vita e i problemi
– Modo di esprimere l’intelligenza
– Modo di esprimere l’energia
– Socievolezza e contatti umani
– Espressione dei propri sentimenti
– Punti di forza e debolezze

Inviateci la vostra scrittura, dopo averla scannerizzata, insieme ai vostri dati relativi all’ora, luogo e data di nascita, all’indirizzo del blog  astrologicamente.dr@gmail.com
Affinché possiate avere un’idea di quello di cui stiamo parlando, eccovi un esempio:  l’analisi grafologica di Andrea, un uomo di 42 anni.

 

Dal complesso dei segni grafologici emerge che in Andrea prevale l’orientamento ad adattarsi più che ad affermarsi nell’ambiente (la scrittura e prevalentemente curvilinea). Buone sono le sue capacità di osservazione (la larghezza delle lettere tonde come la o e la a e la loro altezza è ben equilibrata) e di critica previsionale dei fatti (distanza tra una parola e l’altra).
Ha una valutazione troppo soggettiva delle cose che menoma la capacità obiettiva di giudizio e tende, quindi, ad essere legato alle sue idee, ai suoi spazi, e ai suoi interessi (la distanza tra le lettere di una parola è modesta).

Nell’affrontare i problemi non è impulsivo (la scrittura presenta stacchi tra le lettere, il ritmo non è scorrevole, mancano gli angoli) e quando deve esaminare nuove situazioni prima di decidersi ad agire considera bene le vicende e i fatti: ha bisogno, infatti, di organizzare la sua attività in precisi e rassicuranti schemi di riferimento (scrittura chiara, accuratezza grafica, stacchi tra lettere). Con il rischio, però, di attardarsi nell’esecuzione dell’azione programmata ed avere difficoltà a rispettare i target operativi (le lettere sono staccate tra loro). E’ più sollecito ed efficace quando si muove in situazioni sperimentate dove può esprimere serenamente le sue buone capacità operative. Nello svolgimento dei suoi impegni è affidabile e corretto. Non è competitivo, ma non ama modificare le sue azioni in quanto ha difficoltà in fase decisionale (largo tra parole, stacco tra lettere, accurata).
Tiene molto al giudizio dell’ambiente e cerca sempre di ben figurare, la sua latente superiorità verso gli altri, gli procura un dispendio di energia che può causare degli stress. Stress che riesce però a superare (mantiene il rigo, leggero discendente, scrittura accurata, pressione della scrittura, stretto tra lettere).

Nelle relazioni con gli altri può apparire tendenzialmente introverso (stretto tra lettere, lettere staccate) poiché non sa trovare la giusta misura nei rapporti interpersonali e, non sentendosi capito, si chiude in se stesso. In Andrea, infatti, convivono due differenti spinte: una verso l’istinto, l’altra verso l’ideale (gli allunghi superiori ed inferiori di talune lettere come f,p,g,l si protendono più del dovuto). Queste continue sollecitazioni e la sua difficoltà a scegliere determinano un’alternanza di atteggiamenti discontinui che non favoriscono i rapporti sociali.

Sul piano affettivo Andrea è dominato dal sentimento. Nelle sue manifestazioni è, però, sempre controllato, in quanto ha difficoltà ad esprimere i suoi slanci affettivi, anche se sono dettati da forti e profonde emozioni (accurata, staccata, largo tra parole, curva, aste a destra).
Infine la firma è differente dalla scrittura e questo significa che la percezione che Andrea ha di se stesso non corrisponde con il suo modo di agire nella quotidianità.

Franco Dagianti

 E ora  l’analisi astrologica del suo tema natale:

Nell’oroscopo di Andrea tutti i pianeti sono sopra la linea dell’orizzonte, posizione che fa supporre sia un estroverso, dunque una persona molto socievole, aperta e cordiale. Nell’ambiente in cui interagisce, ha bisogno di confrontare le proprie idee con quelle gli altri e, proprio grazie a questo feedback con il mondo esterno, Andrea riesce a infondere maggiore sicurezza al suo sé interiore. E’ una persona attiva e pratica, il suo Sole, strettamente congiunto a Marte, è nel segno del Leone e, sebbene entrambi siano in nona casa, sono quasi congiunti al MC.

Marte lo rende dinamico, intraprendente, attivo, sa affrontare i problemi con determinazione ma non prima di averci pensato e riflettuto sopra, perché il suo Mercurio in Vergine, forte quasi quanto il suo imperioso Marte, gli conferisce un’intelligenza analitica, utilitaristica e pratica. Questo significa che, tutto ciò che assorbe dall’esterno, deve essere prima osservato, analizzato, filtrato e spesso anche sottoposto a critica, prima di entrare a far parte della sua consapevolezza. In lui c’è combattività, ama superare gli ostacoli, soprattutto quando ciò che sta facendo rientra nei suoi interessi primari e poiché è un Re Leone, ha un’alta opinione di se stesso e quindi, tutti devono portargli rispetto.

Un Sole prossimo al Medio Cielo è ambizioso, vuole riconoscimento e per Andrea è molto importante, quasi vitale, essere apprezzato, soprattutto in ambito sociale. Poiché però ha anche la Luna in Leone, in decima casa, il trono non è soltanto un obiettivo solare, cioè dell’Io cosciente e consapevole, dentro di lui sente un’insofferenza per tutto ciò che di mediocre c’è nella vita, un senso di superiorità regale che non lo abbandonerà mai, neanche nei momenti in cui la vita l’obbligherà a scendere dal piedistallo.

Purtroppo però nel suo oroscopo, a buttarlo giù dal trono ogni tanto, ci penserà proprio quella Luna così orgogliosa, che, con un quadrato a Nettuno e un altro a Saturno, a volte insinuerà il dubbio che la realtà sia diversa da come la vorrebbe o da come l’ha immaginata (Nettuno), e che ci sono responsabilità quotidiane e doveri pesanti che non si possono trascurare (Saturno).
Questo può portare periodi di sconforto e di depressione, che supererà comunque in maniera brillante, perché un Leone sa lottare, ha coraggio e una grande capacità di reagire alle avversità. Di solito gli altri non riescono a decifrare bene la sua personalità perché sia l’Ascendente in Scorpione sia Nettuno in I casa, non gli permettono di aprirsi completamente.

 E’ solito affrontare il suo ambiente o la vita stessa, con grande diffidenza e cautela ma anche con il bisogno di tenere tutto sotto controllo, compresa la sua grande forza emotiva e l’intensa sensibilità, doti che nessuno potrebbe mai sospettare guardando solo gli altri elementi del suo oroscopo. Anche il contatto con gli altri può essere più difficile di quanto sembri a prima vista. Il suo Saturno in Toro e in settima casa, può appesantire i rapporti interpersonali, che lui  affronta sempre con il timore di lasciarsi andare del tutto, perché teme di essere ferito, di perdere la sua libertà e, malgrado sia in fondo portato alla competizione e il coraggio non gli manca, al dunque preferisce rinunciare a qualunque confronto, che sarebbe troppo doloroso se dovesse risultare perdente. Dipende anche dal giudizio degli altri, e questo per un Sole Leone congiunto a Marte diventa un’aggravante: se gli altri non lo apprezzano come si aspetta o, peggio ancora, lo criticano, entra in crisi profonda.
Per questo sceglie amici affettuosi e affidabili. Venere congiunta a Plutone e Urano, i tre pianeti che occupano la sua undicesima casa, fanno supporre amicizie selezionate, stabili e profonde, consolidate nel tempo, che riconoscano quel tocco di originalità e di magnetismo che è in lui.
Ama con intensità e passione anche se non sempre lo dimostra alle proprie partner, perché trattiene emozioni e pulsioni, ma crede nella serietà e nella responsabilità di un rapporto che duri nel tempo (con tutte le cautele e le diffidenze che quel Saturno in settima casa suggerisce). La maggioranza dei segni fissi presenti nel suo oroscopo lo rende statico e poco flessibile, se si mette un’idea in testa, non la cambia facilmente e sa essere costante e perseverante, sia in positivo sia in negativo. E’ molto indipendente, non ammette che si limiti la sua libertà, non rinuncia ai suoi spazi, ai suoi interessi e alle cose che vuole fare e alle quali tiene.
Altro punto di forza è un senso di fiducia e di giocosità che, anche se non appare subito, è lì, con Giove in dodicesima casa, probabilmente trasmesso da sua madre, (Giove sestile Luna) e che lo sosterrà sempre.

Astrologicamente

Bisogna riconoscere che, almeno in questo caso, i punti in comune tra le due discipline sono parecchi, ma lo lasciamo giudicare a voi. Per continuare la nostra piccola ricerca abbiamo bisogno del vostro aiuto,  in cambio vi offriamo la possibilità di conoscervi meglio.
Allora coraggio, scriveteci!

 

 

 

 

 

Commenti

Loading Facebook Comments ...

1 Comment

  1. Helene Wolfsgruber

    Vorrei avere un oroscopo natale di mia figlia e possibilmente uno comparato con me. Mi dite per favore quanto costano?
    Cordiali saluti
    Helene Wolfsgruber

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Disqus Comments ...