LA PRIMA CASA – L’ASCENDENTE

Ago 19, 2011 by

prima casa fuoco Corrisponde alla casa iniziale di riferimento di un tema natale, ad esempio: nel caso di un ascendente nel segno del Leone, potremo dire che quella persona ha “la sua prima casa” in Leone. Le altre seguiranno secondo la successione tradizionale dei segni dello Zodiaco (cioè in senso antiorario) e continuando nel nostro esempio la seconda casa sarà in Vergine, la terza in Bilancia e così via fino alla dodicesima casa, forse in Cancro.
Ma proseguiamo ancora con il nostro esempio, cosa significa avere un ASCENDENTE nel segno del Leone? Significa che quella persona si presenterà agli altri con le caratteristiche di un Leone cioè irradiando vitalità e calore, amerà stare sempre in primo piano e vedrà il suo ambiente come un posto da dominare e organizzare per autopromuovere se stesso ed enfatizzare le proprie doti, pertanto, per chi non lo conosce veramente bene, sarà ben difficile scoprire che, dietro quella maschera “di fuoco e ardore” si nasconde, magari, un timido pesciolino o una cauta verginella.

Fissiamo allora questo concetto fondamentale: qualunque sia il segno occupato dall’Ascendente noi presenteremo agli altri le caratteristiche salienti di quel segno. E’ un travestimento che serve a far conoscere la nostra personalità esteriore al mondo ma anche lo schema con il quale affronteremo la vita e i suoi affanni, ma è solo APPARENZA!!!!

maschera da deviantart

L’IO vero, quello che ha una personalità da sviluppare, un obiettivo da raggiungere e una storia personale da raccontare, è il segno occupato dal SOLE.
Coincide anche con quel particolare momento della nascita nel quale, con il taglio del cordone ombelicale, il bambino interrompe il collegamento che per molti mesi l’ha tenuto legato alla madre, e il segno, che è all’orizzonte nel preciso istante della nascita, diventa l’Ascendente del neonato.
Capirete quindi quanto è importante conoscere esattamente l’ora e il luogo di nascita!!
L’ascendente è strettamente connesso alle prime sensazioni del bambino una volta fuori dalla sua culla acquea, sentirà caldo o freddo? Come reagirà allo shock di respirare da solo? Forse anche la luce lo abbaglierà e l’atmosfera intorno a lui sarà accogliente?

Le sue reazioni spontanee e istintive lo guideranno in questo nuovo ambiente nel quale dovrà mettere in atto, molto velocemente, un sistema di sopravvivenza, di difesa-adattamento, magari rudimentale, allora potrà piangere, sorridere o guardarsi intorno perplesso, ma una cosa è certa, le condizioni della sua nascita, la sua prima esperienza di vita autonoma seguiranno le caratteristiche impresse nel segno sull’Ascendente. Nasciamo con un copione di vita che si è formato nel grembo e negli anni tenderemo ad affrontare ogni inizio o nuova esperienza con le medesime modalità che hanno caratterizzato la nostra nascita.
Pertanto La Prima Casa è una delle case astrologiche più importanti ed è anche il punto di partenza nell’interpretazione di un tema. L’analisi comparata del suo segno, del governatore di quel segno e degli eventuali pianeti che la occupano, con il segno in cui si trova il sole di nascita, ci aiuta, da subito, a tracciare un primo profilo di base della persona, al quale poi agganciare e collegare tutti gli altri elementi costitutivi presenti nel tema.
In conclusione da questo confronto tra la personalità, che vuole apparire, mettersi in luce e mostrarsi al mondo, indicata dall’Ascendente cioè dal grado esatto del segno che sorge al momento della nascita, e il segno solare che è il vero IO, quello più profondo che governa la nostra crescita, prenderà avvio un’analisi che ci indicherà subito che tipo di persona siamo, perché siamo indotti a fare certe scelte e quale finalità possiamo o vogliamo raggiungere in questo percorso di vita.

Commenti

Loading Facebook Comments ...

1 Comment

  1. Ci sono spunti che nn ho trovato altrove, interessante

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Disqus Comments ...